Essere competitivi sul mercato del lavoro – appetibili per chi offre lavoro – è una preoccupazione costante nonostante dati recenti confermino una contrazione del tasso di disoccupazione in Italia.
A volte è necessario evolvere, e l’evoluzione (quell’attimo in cui si abbandona una forma per assumerne un’altra) è un passaggio critico che necessita conferme.
C’è poi l’effetto Dunnin-Kruger (la spiegazione più in basso), che porta le forme più elementari a ostentare incrollabile sicurezza nella loro statica (stolida) competenza, e a diffondere l’idea che forse, davvero, essere monodimensionali vince.

Questo articolo parla invece di forme irregolari, tutt’altro che statiche. Di persone che vivono di molti interessi, rifiutano spesso strade già tracciate, e hanno fame di esperienze.
Per questo e molto altro sapere chi è una T-shaped person, una persona a forma di T, e come fare per diventarlo può essere utile anche te, caro lettore. Anche se sei un professionista affermato e hai un lavoro stabile da anni.

Un articolo sulle T-shaped person che probabilmente non avresti trovato

Benvenuti alla lezione: come non scrivere un articolo se vuoi che i crawler ti trovino. Se sei atterrato su questa pagina è solo per una serie di fortunati eventi perché, onestamente, sono certa che non scalerà alcun tipo di serp.

Ma devo dire la verità: non mi interessa poi tanto dei crawler, quanto di parlare, ai viaggiatori internauti appena atterrati su queste pagine, di un argomento che ho trovato utile. Per chi sta affrontando un cambiamento di rotta, o semplicemente una pausa da cui ripartire.

Spero dunque che tu voglia leggerlo e che possa esserti di aiuto. Non ti cambierà la vita, ci mancherebbe altro. Scommetto però che, se ne parlerai con qualche collega alla macchinetta del caffè, avrai la sua attenzione.

Caratteristiche della T-shaped person

Cosa significa essere a forma di T? Una T-shaped person è una persona che ha sviluppato le proprie competenze in due direzioni.

La base di una T-shaped person (linea orizzontale) sono le competenze generali che ha maturato. Possono essere esperienze di studio o di vita, applicazione d’interessi o contingenze fortuite (fortunate o sfortunate) che ha dovuto affrontare.

La linea verticale di una T-person è data invece da una competenza approfondita, sviluppata in un determinato settore di cui è diventata specialista.

T-shaped person, rappresentazione grafica

Quando si è agli inizi, o quando si è molto giovani, il set di conoscenze può estendersi in una sola delle due direzioni: è normale.
Potresti avere un set verticale di competenze in un solo settore che si allunga in profondità, come una I.
Oppure potresti avere una base, più o meno ampia, di conoscenze generali, senza però aver ancora trovato la tua verticalità, la competenza da approfondire in cui specializzarti.

Conosco persone che hanno fame di esperienze, che passano da un contesto all’altro in base al caso (o al caos) dettato dalla canovaccio spontaneo della propria vita, hai presente di cosa sto parlando.
E conosco persone estremamente verticali, che al contrario, scelgono di restare ancorate al settore da cui sono partite, di cui diventano esperti, procedendo in quella sola direzione.

Non importa che tipo di percorso tu abbia scelto, e che tipo di forma tu abbia sviluppato per arrivare fino a qui. È possibile diventare una T-shaped person in qualsiasi momento (nel prossimo articolo)

6 vantaggi che rendono una T-shaped person attraente per chi assume

T come talento

Per le sue caratteristiche fluide, che ben si adeguano alla nostra realtà, una T-shaped person è quella risorsa che spesso si vorrebbe avere in squadra: esperta, ma in grado di risolvere una più ampia gamma di problemi, o di avere una visione grandangolare del problema stesso. È una risorsa in genere molto affidabile, interessante per chi assume perché:

1. Non perde interesse in quello che fa

Avere una base ampia di competenze e interessi su cui potersi applicare aiuta a variare, e a contrastare la monotonia di essere focalizzati sempre nella stessa area, per cui si è specialisti. Variare aiuta la mente a rimanere attiva e impegnata, che trarrà giovamento da ogni pausa che si prenderà dalla sua competenza verticale, in cui è specialista.

2. Non si accontenta di una visione superficiale

Approfondire la conoscenza in una determinata area è un percorso stimolante, che porta a scoprire nuovi aspetti di un settore che restano nascosti a una lettura superficiale. Conosce il piacere che deriva dal percorrere un settore in profondità, la sfida che porta un professionista a confrontarsi con i propri limiti. Ed è entusiasta di quello che fa.

3. È creativa

Negli affari e nelle arti si dice che le idee più grandi nascono dalla combinazione tra diverse discipline. Esiste poi il cosiddetto paradosso dell’esperienza per cui concentrarsi in un solo settore, e maturarne esperienza esclusiva, riduce la possibilità di sviluppare idee nuove che potrebbero apportare vantaggi preziosi al settore stesso.

4. Collabora in maniera efficace con specialisti in altri settori

Una gamma di conoscenze più ampia agevola la comunicazione con chi è specializzato in altri settori, e permette di lavorare in maniera efficace con i vari specialisti coinvolti nella realizzazione di un progetto.

Per fare un esempio: un esperto copywriter con alcune conoscenze di linguaggio HTML e dell’uso dei CMS sarà in grado di comunicare in maniera più efficace con il grafico web, o con uno sviluppatore.

5. Averla in squadra conviene

Una T-Shaped person persegue obiettivi multipli, e trova soluzioni a problemi di diversa natura. Tutto questo risulta attraente per un datore di lavoro che potrà avvalersi di una risorsa flessibile in grado non solo di risolvere problemi diversi, ma di avere una più ampia visione del “problema”, e capace di valutarlo da diversi punti di vista.

Farò un esempio che conosco da vicino (ma mi piacerebbe conoscerne altri, nei commenti): un redattore editoriale con competenze nel marketing curerà non solo la correzione di un testo, ma saprà sviluppare tutti quei testi a corredo che ne aumenteranno la competizione sul mercato. Saprà occuparsi in maniera complessiva del testo da pubblicare e della comunicazione a supporto della vendita (quarta di copertina) o della promozione (articoli, comunicati stampa).

Allo stesso modo, competenze redazionali (correzione di bozze o editing) e di scrittura seo possono fare la differenza nella scrittura per il web dove è necessario perseguire contemporaneamente esigenze di appetibilità (e correttezza) dei testi, e di comunicazione con i crawler.

6. Ha un curriculum interessante

Un curriculum diverso è un curriculum che sa farsi notare. Per questo avere più competenze renderà la tua candidatura più interessante da leggere per chi fa selezione. E anche in fase di colloquio, è più piacevole parlare con una persona che ha diversi interessi. Non credi?

Il concetto di base è che una T-shaped person è in grado di portare avanti un lavoro che soddisfi più requisiti, rispetto a quelli richiesti in maniera specifica per la sua posizione.

Ho fatto esempi che riguardano questo settore, che conosco meglio, ma mi piacerebbe conoscerne altri.
Lo spazio commenti è aperto. Che tipo professionista sei? Qual è il tuo mix di competenze?

Scrivi a proposito di te e dai una mano al caso… non si sa mai 😉

Fonti:

College infogeek

Effetto dunning-kruger – Nuovo e Utile

unsplash-logoRaj Eiamworakul



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *